spot_img

Esiste una Visegrád europeista


I sindaci di Budapest, Varsavia, Bratislava e Praga chiedono all’Unione europea fondi diretti, bypassando i rispettivi Governi populisti

È possibile che l’Unione europea si accordi direttamente per la distribuzione dei fondi con le capitali dei Paesi del Gruppo Visegrád? I sindaci di Budapest, Varsavia, Bratislava e Praga hanno avviato un’alleanza parallela al V4 — espressione diretta delle volontà dei Governi in carica — per chiedere a Bruxelles di bypassare gli esecutivi per la realizzazione di progetti in ambito green e sulle politiche di implementazione del sentimento pro Europa.

Il desiderio di Gergely Karacsony, Rafal Trzaskowski, Matus Vallo e Zdenek Hrib potrebbe creare non poche grane a Ursula von der Leyen, da pochi mesi Presidente della Commissione europea che, tra gli altri progetti, ha recentemente lanciato il Green New Deal, osteggiato proprio da Ungheria, Polonia, Slovacchia e Repubblica Ceca.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

COP 28: Green New Deal for Future

Grecia: i diritti civili vincono contro la scomunica

Israele/Palestina: la guerra del gas

Mezzo mondo va al voto nel 2024: ma come e per fare cosa?

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo