spot_img

Ucraina, la “guerra dell’informazione” e la propaganda mediatica del Cremlino


La infowar si sta svolgendo soprattutto sui social media. A Zelensky, in t-shirt verde su Instagram, risponde la propaganda russa su Telegram, che oltre a influenzare l’opinione pubblica russa punta anche a veicolare al mondo il progetto geopolitico di Putin

Marco Dell'Aguzzo Marco Dell'Aguzzo
Giornalista, scrive per eastwest, Il Sole 24 Ore, il manifesto, Vanity Fair, Aspenia e Start Magazine. Si occupa di energia e di affari nordamericani.

La infowar si sta svolgendo soprattutto sui social media. A Zelensky, in t-shirt verde su Instagram, risponde la propaganda russa su Telegram, che oltre a influenzare l’opinione pubblica russa punta anche a veicolare al mondo il progetto geopolitico di Putin

Tra l’Ucraina e la Russia si sta combattendo anche una guerra dell’informazione. È un tipo di guerra che ha una sua dimensione fisica, come dimostra l’abbattimento di una torre della televisione a Kiev e la decisione di SpaceX, l’azienda aerospaziale di Elon Musk, di dotare l’Ucraina dei dispositivi necessari alla connessione a Internet via satellite (fondamentale, nel caso in cui i russi dovessero limitare le comunicazioni tradizionali).

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img