spot_img

In Europa è ancora Natale


La Commissaria all'Uguaglianza Helena Dalli ha ritirato l'opuscolo che cancellava il nome della festività e altri termini, scivolando nel grottesco

Francesco Anfossi Francesco Anfossi
Caporedattore di Famiglia Cristiana e responsabile web per lo stesso settimanale.

La Commissaria all’Uguaglianza Helena Dalli ha ritirato l’opuscolo che cancellava il nome della festività e altri termini, scivolando nel grottesco

Buone feste, anzi no, contrordine cittadini europei, buon Natale. La Commissaria europea alla Parità, Helena Dalli, ha ritirato le linee guida sulla “comunicazione inclusiva” che avevano innescato polemiche a non finire sull’uso del parola Natale. “La mia iniziativa di elaborare linee guida come documento interno per la comunicazione da parte del personale della Commissione nelle sue funzioni aveva lo scopo di raggiungere un obiettivo importante: illustrare la diversità della cultura europea e mostrare la natura inclusiva della Commissione europea verso tutti i ceti sociali e le credenze dei cittadini europei”, spiega la Commissaria.  “Tuttavia, la versione delle linee guida pubblicata non serve adeguatamente questo scopo. Non è un documento maturo e non soddisfa tutti gli standard di qualità della Commissione. Le linee guida richiedono chiaramente più lavoro”, ha annunciato la Dalli.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img