EN

eastwest challenge banner leaderboard

LA NOTIZIA DEL GIORNO

Hong Kong: la Cina annuncia nuove norme sulla sicurezza

Indietro    Avanti

Hong Kong: la Cina impone una nuova legge sulla sicurezza nazionale. Un attacco all’autonomia della regione e al modello “un Paese, due sistemi”

Hong Kong, la nuova legge della Cina sulla sicurezza nazionale

Legislatori pan-democratici si scontrano con la sicurezza mentre protestano contro le nuove leggi sulla sicurezza durante la riunione del Comitato della Camera del Consiglio legislativo, a Hong Kong, Cina, 22 maggio 2020. REUTERS/Tyrone Siu

L’Assemblea nazionale del popolo, ovvero l’organo legislativo cinese, ha annunciato giovedì l’intenzione di approvare una nuova legge sulla sicurezza nazionale, che rafforzerà il controllo del Partito comunista su Hong Kong.

Cos’è Hong Kong

Hong Kong – anche nota come “Porto Profumato” – è una regione nel sud-est della Cina, sottoposta però ad un regime amministrativo speciale che le garantisce una certa autonomia da Pechino. Per capire il motivo di questo trattamento bisogna tornare al 1997, quando il Regno Unito – potenza coloniale dalla metà dell’Ottocento – riconsegnò il territorio alla Cina, a condizione che Pechino ne mantenesse il sistema di semi-autonomia fino al 2047. Il principio che regola i rapporti tra Hong Kong e la Cina continentale è sintetizzato nella formula “un Paese, due sistemi”, espressa dall’allora Presidente Deng Xiaoping

Grazie a questo regime speciale, Hong Kong è diventata un importantissimo centro finanziario globale. Ma negli ultimi anni – e in particolare dalla presidenza di Xi Jinping – Pechino ha cercato di aumentare il proprio controllo diretto sull’ex-colonia britannica, scatenando di riflesso la rabbia della popolazione.

Le grandi proteste a Hong Kong scoppiate nel giugno 2019 – non sono certo le uniche: ricordiamo almeno la “rivoluzione degli ombrelli” del 2014 – erano iniziate in reazione a una legge sull’estradizione che, secondo i manifestanti, avrebbe favorito proprio l’ingerenza di Pechino negli affari del Porto Profumato. Dopo l’annuncio di giovedì, ce ne saranno probabilmente di nuove.

La nuova legge sulla sicurezza nazionale: perché è importante

Non ci sono ancora dettagli sulla nuova legge sulla sicurezza nazionale, che è stata presentata durante le “Due Sessioni” (lianghui), le riunioni annuali del Parlamento cinese. Sappiamo però che la legge – che potrebbe venire approvata già all’inizio della prossima settimana, scrive il Washington Post – vieterà la secessione, le attività sovversive e le interferenze straniere a Hong Kong.

In sostanza, grazie alla nuova legge il Governo centrale cinese disporrà di maggiori autorità legali per intervenire nelle vicende di Hong Kong e, ad esempio, reprimere le manifestazioni anti-Pechino (o prevenirle, come scrive Simone Pieranni sul Manifesto).

Si tratta insomma del maggiore attacco compiuto dalla Cina continentale all’autonomia di Hong Kong e, di riflesso, al modello “un Paese, due sistemi”. Anche perché la legge non sarà proposta e approvata dal Parlamento di Hong Kong, bensì imposta direttamente da Pechino.

La paura della “secessione” – a Hong Kong come altrove: Taiwan, Xinjiang, Tibet – e quindi il mantenimento dell’unità nazionale, è un tema centrale nelle politiche del Partito comunista cinese.

Le conseguenze internazionali

La mossa della Cina ha innescato l’immediata risposta degli Stati Uniti. Il Presidente americano Donald Trump ha minacciato di reagire “con fermezza” se Pechino dovesse imporre a Hong Kong la nuova legge sulla sicurezza nazionale; una legge che il Segretario di Stato Mike Pompeo ha definito “disastrosa”.

Le dichiarazioni vanno innanzitutto contestualizzate all’interno dello scontro tra Stati Uniti e Cina, che dal commercio è arrivato a influenzare anche la risposta all’emergenza coronavirus. Bisogna poi considerare che Hong Kong – ricordiamolo: un polo finanziario cruciale – è molto importante sì per Pechino, ma anche per Washington: per ragioni economiche e commerciali, ma non solo. I rapporti tra l’America e il Porto Profumato dipendono però dallo status speciale, di semi-autonomia rispetto al resto della Cina, dell’ex-colonia britannica.

@marcodellaguzzo

Continua a leggere questo articolo e tutti gli altri contenuti di eastwest e eastwest.eu.

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica a € 45.
Se desideri solo l’accesso al sito e l’abbonamento alla rivista digitale, il costo per un anno è € 20

Abbonati



La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA