Hong Kong la ribelle


Isola felice, dove ciò che è proibito nel Paese del Drago è invece permesso, dove libertà sconosciute al resto dei cinesi sono tradizionalmente garantite, oppure futura provincia inglobata dall’incontenibile centralismo di Pechino? L’ex colonia britannica oggi è in bilico fra una presunta condizione di privilegio e l’appartenenza a un Paese che sacrifica tutto alla propria crescita.

Isola felice, dove ciò che è proibito nel Paese del Drago è invece permesso, dove libertà sconosciute al resto dei cinesi sono tradizionalmente garantite, oppure futura provincia inglobata dall’incontenibile centralismo di Pechino? L’ex colonia britannica oggi è in bilico fra una presunta condizione di privilegio e l’appartenenza a un Paese che sacrifica tutto alla propria crescita.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img