spot_img

Hong Kong, ondata di arresti


Hong Kong: numerosi arresti per le manifestazioni dello scorso anno. Critiche dagli Usa ma la Cina risponde: non interferite

Hong Kong: numerosi arresti per le manifestazioni dello scorso anno. Critiche dagli Usa ma la Cina risponde: non interferite

Hong Kong: ondata di arresti
La polizia antisommossa ha disperso i manifestanti antigovernativi dopo uno scontro, a Mong Kok, a Hong Kong, Cina, 29 febbraio 2020. REUTERS/Tyrone Siu

Nei giorni scorsi la polizia di Hong Kong ha eseguito numerosi arresti che hanno colpito il movimento di protesta sviluppatosi nel 2019, contrario alla legge sull’estradizione in Cina. Le custodie cautelari attuate hanno portato al carcere nomi di peso del mondo politico, economico e dell’avvocatura dell’ex colonia britannica. Tra questi, Leung Yin-chung, membro del Consiglio legislativo della città, il fondatore del Partito Democratico Martin Lee, il tycoon Jimmy Lai e l’avvocato Margaret Ng.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img