I bambini segreti della Russia


“Appena ho partorito, i medici mi hanno detto che Filipp era affetto da sindrome di Down e mi hanno chiesto subito di lasciarlo in ospedale, che lo avrebbero poi messo negli internati speciali. Era questa la regola: quando nasceva un bambino con problemi c’erano i medici, e a volte anche un avvocato, che ti chiedevano di firmare un documento di rifiuto del bambino.

“Appena ho partorito, i medici mi hanno detto che Filipp era affetto da sindrome di Down e mi hanno chiesto subito di lasciarlo in ospedale, che lo avrebbero poi messo negli internati speciali. Era questa la regola: quando nasceva un bambino con problemi c’erano i medici, e a volte anche un avvocato, che ti chiedevano di firmare un documento di rifiuto del bambino.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale

Trattato del Quirinale: Macron punta sull’Italia