I fondamentalisti moderni


Hezbollah apre a una soluzione politica interna che superi il confessionalismo, che da sempre divide e segna le vicende del Paese. Analizza la crisi europea con accenti anticapitalisti che riecheggiano le rivendicazioni degli indignados. Ma si mantiene cauto e neutrale in merito alla guerra civile in atto in Siria.

Hezbollah apre a una soluzione politica interna che superi il confessionalismo, che da sempre divide e segna le vicende del Paese. Analizza la crisi europea con accenti anticapitalisti che riecheggiano le rivendicazioni degli indignados. Ma si mantiene cauto e neutrale in merito alla guerra civile in atto in Siria.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

In Europa è ancora Natale

Marocco e Israele, ecco l’accordo sulla difesa

Nucleare: a Vienna riaprono i colloqui con l’Iran