spot_img

I jihadisti tra Spagna e Marocco


Nove presunti jihadisti legati ad Al Qaeda sono stati arrestati venerdì tra Nador, in Marocco, e Melilla, piccola enclave spagnola in territorio marocchino, con l’accusa di far parte di una cellula terroristica in Nord Africa.

Nove presunti jihadisti legati ad Al Qaeda sono stati arrestati venerdì tra Nador, in Marocco, e Melilla, piccola enclave spagnola in territorio marocchino, con l’accusa di far parte di una cellula terroristica in Nord Africa.

Photo REUTERS/Jesus Blasco de Avellaneda
A dare la notizia è stato il ministro degli Interni marocchino che ha spiegato come l’operazione di polizia sia stata portata avanti congiuntamente dalle forze dell’ordine spagnole e marocchine. La base del gruppo jihadista sarebbe stata a Melilla, con una cellula nella vicina Nador, cittadina sulla costa marocchina a pochi chilometri dalla rete che separa il territorio spagnolo da quello del Marocco.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania