spot_img

I migranti digitali, figli dell’era social


I social media hanno trasformato il fenomeno migratorio, affermandosi come uno strumento chiave di ogni sua fase: dalla partenza all’arrivo. Il loro utilizzo da parte dei migranti porta in alcuni casi a storie incredibili.

Le migrazioni sono un fenomeno antico almeno quanto l’umanità. Ci siamo sempre spostati e lo abbiamo fatto per le ragioni più diverse. In quanto fenomeno strutturale, esso si è adeguato ed è cambiato parallelamente alla società. Oggi, nell’era digitale, le migrazioni si intersecano con i nuovi strumenti del nostro tempo. Ciò avviene anche con i social media, che del nostro tempo sembrano quasi i padroni.

Spesso il dibattito, soprattutto in Italia, si focalizza principalmente su come essi abbiano influenzato la narrativa del fenomeno migratorio. Infatti, i social hanno fortemente contribuito a polarizzare il dibattito pubblico su questo tema, non dando il giusto valore alla sua complessità e stimolando un dibattito emotivo, piuttosto che analitico e razionale.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

Il gas africano: luci e ombre

Medio Oriente: i nuovi mediatori vengono da est

Nuove turbolenze sull’Himalaya

L’Europa diversa: politica e sport

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo