spot_img

I nuovi demoni di Mosca


Crollato il comunismo, a tenere insieme la Federazione Russa è rimasto il petrolio, ma le regioni ricche di petrolio e gas ora sono attratte da idee indipendentiste e Mosca teme la vendetta di chi per anni è stato costretto a rispettare le ferree logiche sovietiche.

Crollato il comunismo, a tenere insieme la Federazione Russa è rimasto il petrolio, ma le regioni ricche di petrolio e gas ora sono attratte da idee indipendentiste e Mosca teme la vendetta di chi per anni è stato costretto a rispettare le ferree logiche sovietiche.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania