spot_img

COSCIENZA EUROPEA – I successi nello spazio


Samantha, Rosetta e le altre conquiste del programma spaziale europeo.

Samantha, Rosetta e le altre conquiste del programma spaziale europeo.

Una l’abbiamo vista raggiante, sulla rampa di lancio del razzo che di lì a poco l’avrebbe sbarcata sulla Stazione spaziale internazionale (ISS); l’altra ci è apparsa imperturbabile, nella sua folle e solitaria corsa decennale attraverso il cosmo. Di chi stiamo parlando?

La prima è Samantha Cristoforetti: “Europea di nazionalità italiana. Domiciliata nello spazio”, come si presenta su Twitter, il 23 novembre scorso è stata la prima donna italiana ad andare nello spazio e ammessa in un equipaggio dell’Agenzia spaziale europea (ESA). Il suo canale @AstroSamantha conta ben 240mila seguaci: ben più dell’Arcivescovo di Canterbury Justin Welby, che ne ha 69mila, e non molti meno di Bob Sinclar, uno dei più famosi Dj del mondo (370mila).

La seconda è Rosetta, la sonda spaziale che, sempre a novembre 2014, ha raggiunto la cometa 67/P Churyumov- Gerasimenko dopo un viaggio di 10 anni e lì ha sbarcato il robottino Philae per analizzarla. Un’operazione di altissima precisione ed estrema difficoltà. Ma questi non sono che gli ultimi traguardi raggiunti dall’ESA, che oggi dà lavoro a 35mila persone e che in 50 anni di attività, festeggiati nel 2014, ha collezionato risultati di enorme rilievo. Successi che nel Consiglio ministeriale del 2 dicembre scorso hanno convinto i 20 Stati membri a investire quasi 6 miliardi di euro nelle prossime attività.

“Noi Europei abbiamo fatto la scelta politica di dare priorità ai servizi per i cittadini e quindi dedichiamo gran parte delle nostre risorse ai satelliti di osservazione della terra, meteo, scientifici, per le telecomunicazioni e la navigazione”, ci ha dichiarato Franco Bonacina, portavoce dell’ESA. Tra gli oltre 70 satelliti che l’Agenzia ha progettato, testato e mantiene operativi in volo, ci sono Meteosat, ERS-1 e ERS-2, Envisat e i tre satelliti MetOp, che dal ‘77 a oggi hanno permesso osservazioni sempre più accurate sulla meteorologia e i cambiamenti climatici, analizzando la superficie terrestre, l’atmosfera, gli oceani e le calotte glaciali.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Quattro anni per Aung San Suu Kyi

Usa-Cina: conflitto inevitabile

Francia, nostalgia di Indochine