I trucchi della diminuzione della povertà


La Commissione del Piano indiana, l'organo governativo incaricato di stilare i piani quinquennali, ha annunciato un grande traguardo raggiunto dal governo in carica: i poveri sono diminuiti! Ma c'è il trucco.

La Commissione del Piano indiana, l’organo governativo incaricato di stilare i piani quinquennali, ha annunciato un grande traguardo raggiunto dal governo in carica: i poveri sono diminuiti! Ma c’è il trucco.

 

I dati del governo indicano che rispetto al 2004-05, quando gli indiani che vivevano al di sotto della soglia di povertà erano il 37,2 per cento, nel 2009-10 erano “solo” il 29,8 per cento, mentre quest’anno si attestano alla cifra record del 22 per cento.

In numeri assoluti, oggi in India ci sono 269,3 milioni di poveri, 216,5 dei quali vivono nelle campagne.

Per la coalizione di governo United Progressive Alliance (Upa), guidata dall’Indian National Congress (Inc) di Sonia Gandhi, si tratta di un ottimo biglietto da visita per presentarsi alle prossime elezioni nazionali del 2014 come l’esecutivo dalla parte degli ultimi, i Buoni.

Ma il conteggio dei poveri in India è un’arte fatta di effetti ottici ed ingegnosi chiaroscuri.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img