Il boom dell’e-commerce in Africa


L’e-commerce in Africa è in piena espansione, soprattutto grazie alla rapida diffusione della penetrazione di Internet in tutta la regione.

L’e-commerce in Africa è in piena espansione, soprattutto grazie alla rapida diffusione della penetrazione di Internet in tutta la regione.

Photo credits futuroquotidiano.com

Lo testimonia un rapporto di McKinsey and Co. nel quale gli analisti della famosa società di consulenza manageriale prevedono una crescita di oltre 400 milioni di dollari americani nel 2020, per il fatturato delle aziende africane che avranno il proprio core business nel commercio elettronico.

Secondo lo studio, questa forma di commercio potrebbe anche influenzare la crescita della classe media in Africa, dando ai consumatori l’accesso a una più ampia gamma di scelta, una migliore qualità e convenienza e prezzi più bassi.

Nel 2025, l’e-commerce potrebbe arrivare a coprire il 10% delle vendite al dettaglio nelle più grandi economie africane, che si tradurrebbe in volume di affari di 75 milioni di dollari in acquisti annuali online.

La diffusione di questo tipo di transazioni potrebbe aiutare i Paesi meno sviluppati ad uscire dall’isolamento in cui versano e allo stesso tempo favorire l’interscambio commerciale. Internet ha infinite potenzialità sotto questo specifico aspetto e potrebbe supplire alle ben note difficoltà incontrate da artigiani e agricoltori dei Paesi con basso indice di sviluppo a raggiungere i mercati globali.

I costi di immagazzinamento, stoccaggio, spedizione sono proibitivi per le popolazioni povere, senza contare i danni arrecati allo sviluppo economico interno dalle barriere commerciali imposte dai Paesi industrializzati.

Di conseguenza, attraverso l’e-commerce sarebbe possibile rimuovere molti dei costi e degli ostacoli associati ai sistemi di distribuzione tradizionali, contribuendo ad avvicinare produttori e consumatori.

Per valutare l’impatto del commercio elettronico nell’economia di un singolo Paese, McKinsey ha creato l’indicatore iGDP, che permette di misurare quanto la percentuale di e-commerce contribuisca al Pil di un paese.

Africa Internet Group (AIG), il gruppo internet leader nel continente con 71 società attive in 26 Stati, ha valutato i primi sette Paesi per lo sviluppo tecnologico e la crescita di e-commerce nella regione, con l’aiuto di studi indipendenti, ricerche e indagini sul campo che per mezzo dell’iGDP hanno fornito un quadro realistico di come l’e-commerce influisca sull’economia di una nazione.

Il primo fra i sette Paesi africani leader nell’e-commerce è il Senegal, che registra un iGDP pari al 3,3% e di recente ha sviluppato il progetto JJiguene Tech, un hub tecnologico femminile che incoraggia le donne a entrare nel mondo dell’Information Technology (IT) attraverso la rete, la formazione, il tutoraggio e la condivisione della conoscenza.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img