spot_img

Il buddismo riflesso nello specchio occidentale


Anche i buddisti italiani sono stati inseriti nella dichiarazione dei redditi per la raccolta dell’otto per mille. Eppure, quando si discuteva di Concordato agli inizi degli anni Ottanta, le confessioni religiose oggi presenti a piè di lista nelle nostre schede fiscali, nonché i progressisti erano contrari.

Anche i buddisti italiani sono stati inseriti nella dichiarazione dei redditi per la raccolta dell’otto per mille. Eppure, quando si discuteva di Concordato agli inizi degli anni Ottanta, le confessioni religiose oggi presenti a piè di lista nelle nostre schede fiscali, nonché i progressisti erano contrari.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania