spot_img

Il duro inverno di Gaza


Tre mesi dopo la fine dell’operazione militare israeliana ‘Margine Protettivo’ - in cui hanno perso la vita 2.205 palestinesi, di cui 1483 civili (521 bambini e 283 donne) e 600.000 persone sono state costrette a lasciare le proprie case per rifugiarsi nelle scuole dell’ONU - l’inverno avanza su Gaza e la situazione si fa se possibile sempre più drammatica.

Tre mesi dopo la fine dell’operazione militare israeliana ‘Margine Protettivo’ – in cui hanno perso la vita 2.205 palestinesi, di cui 1483 civili (521 bambini e 283 donne) e 600.000 persone sono state costrette a lasciare le proprie case per rifugiarsi nelle scuole dell’ONU – l’inverno avanza su Gaza e la situazione si fa se possibile sempre più drammatica.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

L’Europa federale

Fake news sull’Unione europea