Il gas americano si allontana dall’Europa


L’Europa brama le nuove risorse energetiche degli Usa, ma potrebbero essere dirottate verso l’Asia.

L’Europa brama le nuove risorse energetiche degli Usa, ma potrebbero essere dirottate verso l’Asia.

 

Gli Stati Uniti sono in una posizione sempre più vantaggiosa per trarre vantaggio dalla domanda asiatica di gas naturale. Ora sono tre gli impianti di liquefazione di Gas Naturale (GNL) in fase di progettazione negli Stati Uniti che hanno ottenuto i permessi necessari.

Con l’approvazione federale, i rischi politici legati alle esportazioni di GNL vengono meno. Ora, la sfida principale è individuare e consolidare un mercato vincolato per il prodotto, anche se una rapida crescita della domanda sui mercati mondiali sembra d’un tratto meno probabile – visto il calo del tasso di crescita in Asia e Cina.

Dove peraltro i produttori americani dovranno vedersela con la concorrenza australiana. Un’enorme capacità di liquefazione sta per entrare in funzione nei prossimi anni. Entro il 2018 l’Australia produrrà 62 milioni di tonnellate annue (mtpa) di GNL per l’esportazione, una cifra astronomica se si considera che adesso può contare solo su 22,2 mtpa.

E l’Australia si trova molto più vicino ai mercati asiatici e può sfruttare i minori costi di trasporto, un atout che potrebbe avere il suo peso per ottenere contratti a lungo termine. Sulla carta l’Australia è nella posizione ideale per rifornire i famelici consumatori dell’Asia Orientale.

La situazione potrebbe però cambiare, grazie a un colossale progetto infrastrutturale: l’espansione del Canale di Panama.

Il Canale di Panama è stato inaugurato nell’agosto del 1914. Per 100 anni ha ridotto i tempi di navigazione tra Atlantico e Pacifico. Ma il canale è obsoleto e inutilizzabile per le moderne superpetroliere. Il suo sistema di chiuse e stretti canali è troppo piccolo e angusto per navi che trasportano enormi quantità di grezzo o GNL. Per questo il canale non rappresenta uno snodo di una qualche importanza per il trasporto energetico.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale