spot_img

Il Giorno della Memoria, oltre la retorica


“Mi chiedono cosa penso dei fascisti, delle loro responsabilità. Gli ‘italiani brava gente’ sono stati gli zelanti servi dei nazisti. Erano loro a caricarci sui treni, a calci e pugni, a noi colpevoli solo di essere nati”. Nei suoi 25 anni di impegno da Testimone, Liliana Segre, 84 anni, deportata nel campo di sterminio Auschwitz a 13, non si è mai stancata di sottolineare il ruolo italiano nella Shoah.

“Mi chiedono cosa penso dei fascisti, delle loro responsabilità. Gli ‘italiani brava gente’ sono stati gli zelanti servi dei nazisti. Erano loro a caricarci sui treni, a calci e pugni, a noi colpevoli solo di essere nati”. Nei suoi 25 anni di impegno da Testimone, Liliana Segre, 84 anni, deportata nel campo di sterminio Auschwitz a 13, non si è mai stancata di sottolineare il ruolo italiano nella Shoah.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Fake news sull’Unione europea

Una mappatura dell’ascesa cinese nei Balcani occidentali