spot_img

Il giorno più pericoloso per l’Ucraina


Il tributo di morti per gli scontri di Odessa del 2 maggio è ancora in crescita, mentre l'Ucraina affronta i giorni più pericolosi della sua storia dall’indipendenza del 1991. L'operazione anti-terrorismo è ancora in corso nelle regioni orientali del Paese, mentre i separatisti hanno annunciato per l’11 maggio un referendum per l'indipendenza in stile Crimea.

Il tributo di morti per gli scontri di Odessa del 2 maggio è ancora in crescita, mentre l’Ucraina affronta i giorni più pericolosi della sua storia dall’indipendenza del 1991. L’operazione anti-terrorismo è ancora in corso nelle regioni orientali del Paese, mentre i separatisti hanno annunciato per l’11 maggio un referendum per l’indipendenza in stile Crimea.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania