spot_img

Il governo indiano vuole che i marò rimangano in Italia fino a data da destinarsi


La vicenda dei due fucilieri di Marina, col ritorno in Italia di Salvatore Girone, anche in Italia è finita nel cassetto delle questioni per addetti ai lavori, lontano dall'attenzione dell'opinione pubblica di massa. Ma nelle aule di tribunale indiane ci sono ancora cavilli, formalità da sistemare, che spiegano bene l'atteggiamento indiano al caso. Martedì 20 settembre, ad esempio, il governo indiano per l'ennesima volta ha palesato il totale disinteresse a un rientro in India in tempi brevi dei due marò, consigliando alla Corte suprema di lasciare che l'acqua scorra sotto i ponti, in attesa di una sentenza dall'Aja che arriverà chissà quando.

La vicenda dei due fucilieri di Marina, col ritorno in Italia di Salvatore Girone, anche in Italia è finita nel cassetto delle questioni per addetti ai lavori, lontano dall’attenzione dell’opinione pubblica di massa. Ma nelle aule di tribunale indiane ci sono ancora cavilli, formalità da sistemare, che spiegano bene l’atteggiamento indiano al caso. Martedì 20 settembre, ad esempio, il governo indiano per l’ennesima volta ha palesato il totale disinteresse a un rientro in India in tempi brevi dei due marò, consigliando alla Corte suprema di lasciare che l’acqua scorra sotto i ponti, in attesa di una sentenza dall’Aja che arriverà chissà quando.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo