Il leader di Hezbollah in tv: che ne pensano i giovani libanesi?


Il discorso del leader di Hezbollah, Seyyed Hasan Nasrallah, è stato accompagnato da grande attesa e curiosità in tutte le case di Beirut. Tantissimi infatti i libanesi riunitisi davanti la tv di casa o in strada per guardare insieme il discorso del segretario generale del “Partito di Dio”, perché, come si dice in Libano, “è meglio affrontare le notizie difficili spalla contro spalla”.

Il discorso del leader di Hezbollah, Seyyed Hasan Nasrallah, è stato accompagnato da grande attesa e curiosità in tutte le case di Beirut. Tantissimi infatti i libanesi riunitisi davanti la tv di casa o in strada per guardare insieme il discorso del segretario generale del “Partito di Dio”, perché, come si dice in Libano, “è meglio affrontare le notizie difficili spalla contro spalla”.

 REUTERS/Sharif Karim
Il leader di Hezbollah non compariva pubblicamente dallo scorso Luglio, dopo gli episodi estivi dei raid israeliani su Gaza, ragion per cui il discorso di questa settimana era particolarmente atteso dalla popolazione libanese e dalla comunità internazionale.

La diretta televisiva è andata in onda alle 8.30 di martedì 23 settembre sulla tv locale Al Manar, come già preannunciato e confermato lunedì dall’ufficio stampa di Hezbollah.

Nasrallah ha discusso – durante il suo intervento – dei recenti sviluppi politici in Libano e nella regione; ha inoltre osservato che il partito tende normalmente ad evitare le apparizioni pubbliche, se non in casi critici, come quelli di questi ultimi mesi, come i sempre più recenti episodi di violenza e rapimenti legati all’ISIS o quello degli ostaggi libanesi (di religione sciita) detenuti ad Aazaz; ciò che è successo nel caso del rapimento dei soldati dell’esercito “ci ha obbligato a parlare pubblicamente nonostante la nostra riluttanza iniziale” – ha detto Nasrallah a nome del suo partito.

Sayyed Nasrallah ha inoltre aggiunto che tra i motivi che lo hanno spinto a parlare in diretta televisiva vi sono dare pubblicamente dignità all’esercito e alle famiglie dei “martiri” – così il leader ha definito i soldati rapiti.

 Sayyed Nasrallah ha anche colto l’occasione del suo discorso televisivo per offrire le condoglianze pubbliche alle famiglie di tutti i martiri dell’esercito, tra cui Abbas Medlej, Ali al-Sayyed Mohammad e Hamiyeh, apprezzando i sacrifici dei soldati e delle loro famiglie; ha inoltre sottolineato che il governo libanese dovrebbe essere maggiormente responsabile nell’affrontare la recente crisi mediorientale e che tutte le fazioni politiche devono sostenere gli sforzi del governo, anche se questo significa accettare compromessi o negoziati.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale

Trattato del Quirinale: Macron punta sull’Italia