Il Made in Italy in Egitto e Tunisia


Il Medio Oriente e il Nordafrica assorbono circa l’8% del valore in euro delle esportazioni italiane di manufatti. Dal 2006 al 2008 la loro crescita è avvenuta a ritmi superiori al 18% in media d’anno, mentre le importazioni totali di questi Paesi crescevano di poco più del 12%. Quest’area dunque si mostra estremamente dinamica e “accogliente” per il nostro export e un eventuale dilagare dei fenomeni che per ora hanno toccato Tunisia, Egitto e Libia potrebbe costituire per le nostre imprese la perdita di uno dei possibili motori per il loro rilancio dopo la crisi.

Il Medio Oriente e il Nordafrica assorbono circa l’8% del valore in euro delle esportazioni italiane di manufatti. Dal 2006 al 2008 la loro crescita è avvenuta a ritmi superiori al 18% in media d’anno, mentre le importazioni totali di questi Paesi crescevano di poco più del 12%. Quest’area dunque si mostra estremamente dinamica e “accogliente” per il nostro export e un eventuale dilagare dei fenomeni che per ora hanno toccato Tunisia, Egitto e Libia potrebbe costituire per le nostre imprese la perdita di uno dei possibili motori per il loro rilancio dopo la crisi.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Marocco e Israele, ecco l’accordo sulla difesa

Nucleare: a Vienna riaprono i colloqui con l’Iran

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema