Il metodo Suzuki


Quando è l’orecchio a insegnare alla mano, la musica diventa gioco.

Quando è l’orecchio a insegnare alla mano, la musica diventa gioco.

La musica è un divertimento, ma imparare la musica è un processo di crescita serio e difficile che può creare molta frustrazione. Parecchi giovani si arrendono, lasciando a metà un percorso alla fine del quale avrebbero conquistato l’agognata etichetta di “musicista”.

Molti si sono sforzati negli anni a elaborare metodologie di apprendimento della musica più efficaci e meno stressanti, rivolgendosi soprattutto ai più piccoli. I metodi sono tanti, ma in comune sembrano avere tutti una caratteristica “morale”, cioè studiare la musica per la musica e non con l’obiettivo del professionismo a tutti i costi.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img