Il mio popolo non sa più come si piange


“Di notte, uscendo dai rifugi, c’era un silenzio assordante. Allora ero invasa dalla paura, ero assalita da quello che avevo vissuto. Era una tregua per modo di dire, il momento in cui si constatava la distruzione degli edifici, delle persone, delle anime."

“Di notte, uscendo dai rifugi, c’era un silenzio assordante. Allora ero invasa dalla paura, ero assalita da quello che avevo vissuto. Era una tregua per modo di dire, il momento in cui si constatava la distruzione degli edifici, delle persone, delle anime.”

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img