Il monaco con il manganello


La Cina è il paese dell'armonia, di Confucio e dei templi buddisti, tra le altre cose. Ma è anche il paese nel quale il concetto di sicurezza si estende ad ogni aspetto della vita quotidiana. La presenza della polizia, soprattutto nelle grandi città, è ben visibile. Ma non mancano i «volontari», anziani e anziane muniti di fascia rossa al braccio e intenti a controllare la situazione nei quartieri. E da oggi, abbiamo anche i cop-monks: monaci buddisti reclutati per garantire la sicurezza nei templi.

La Cina è il paese dell’armonia, di Confucio e dei templi buddisti, tra le altre cose. Ma è anche il paese nel quale il concetto di sicurezza si estende ad ogni aspetto della vita quotidiana. La presenza della polizia, soprattutto nelle grandi città, è ben visibile. Ma non mancano i «volontari», anziani e anziane muniti di fascia rossa al braccio e intenti a controllare la situazione nei quartieri. E da oggi, abbiamo anche i cop-monks: monaci buddisti reclutati per garantire la sicurezza nei templi.

 

La notizia non sorprende chi ha vissuto in Cina. Il controllo è capillare; i cinesi sono anche abbastanza curiosi di indole. Mi è capitato più volte di incontrare sull’ascensore persone che non avevo mai visto, che gentilmente mi chiedevano: «quarto piano, giusto?». Personaggi mai incrociati in precedenza, ma loro sapevano dove abitavo. Sarà l’attenzione verso lo straniero, ho sempre pensato.

La verità, però, è che il concetto di «sicurezza» mischiato alla curiosità e alla capacità di chiacchierare su tutto e tutti, ha permeato completamente la società cinese. Non è un caso che il personaggio più potente negli ultimi anni, al di là dei leader nazionali (i numeri uno e due della gerarchia), sia stato Zhou Yongkang, zar proprio delle squadre di poliziotti che avrebbero dovuto garantire la sicurezza. Si è arricchito, ha intessuto la sua rete di potere e infine si è ritirato, finendo però nel mirino di Xi Jinping. Proprio perché la sicurezza è un business tenuto in alta considerazione.

L’armonia, la stabilità sociale è al primo posto nell’agenda di ogni cinese, non solo al potere. Tutti i cinesi sono poco propensi al disordine e quasi mai simpatizzano, con chi viene considerato portatore di confusione. Temono il passato, sul quale, collettivamente, si è riflettuto poco. Temono la Rivoluzione culturale o un altro 1989. E allora tanto meglio se c’è parecchia gente predisposta ad assicurare la calma.

Tanto più nei posti – nelle zone – che hanno visto recentemente episodi gravi, come quello di Kunming. Qualche settimana fa un attacco ha seminato il panico e parecchi morti nella stazione ferroviario del capoluogo dello Yunnan. E allora lo Stato cinese ha fatto una proposta ai monaci di un tempio: imparate a difendere voi e i tanti turisti che arrivano al tempio.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Marocco e Israele, ecco l’accordo sulla difesa

Nucleare: a Vienna riaprono i colloqui con l’Iran

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema