spot_img

Il movimento comunista e la svolta del ’56


Prima il XX Congresso e la fine dello stalinismo. Poi la minaccia dell’intervento armato in Polonia. Infine la rivolta di Nagy in Ungheria. Con gli americani presi alla sprovvista e i cinesi che rivendicano un nuovo ruolo  e la parità con l’Urss. Cruciale per la storia della Guerra Fredda e del movimento comunista internazionale. Ecco perché il 1956 è stato davvero un anno indimenticabile.

Prima il XX Congresso e la fine dello stalinismo. Poi la minaccia dell’intervento armato in Polonia. Infine la rivolta di Nagy in Ungheria. Con gli americani presi alla sprovvista e i cinesi che rivendicano un nuovo ruolo  e la parità con l’Urss. Cruciale per la storia della Guerra Fredda e del movimento comunista internazionale. Ecco perché il 1956 è stato davvero un anno indimenticabile.

 

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Nato guarda a est ma abbandona il Mediterraneo

Prove di disgelo tra Corea del Sud e Giappone

I media e la loro influenza sulla nostra percezione del mondo