Il paradosso inglese: fuori dall’Europa, fuori dal mondo…


I conti britannici traggono beneficio dall’Unione europea. Ma i cuori inglesi sono attratti dalla dis-unione.

I conti britannici traggono beneficio dall’Unione europea. Ma i cuori inglesi sono attratti dalla dis-unione.

 

Esattamente un anno fa, nel numero 46 di East, elaboravo argomenti sul futuro dei rapporti tra Unione europea e Regno Unito, prendendo spunto dalle strampalate dichiarazioni programmatiche di David Cameron. Proviamo a verificare cosa è accaduto in dodici mesi.

“Se non si riescono a proteggere gli interessi collettivi dei membri che non fanno parte della zona Euro, allora questi saranno costretti a dover scegliere tra aderire all’Eurozona – cosa che il Regno Unito non farà – e uscire dall’Ue”.

Con queste parole, a fine gennaio, il Cancelliere dello Scacchiere britannico (il Ministro delle Finanze), George Osborne, ha ribadito la posizione di Londra sulla permanenza del Regno Unito all’interno dell’Unione europea, a distanza di un anno dall’annuncio del Premier Cameron circa la sua volontà di indire un referendum nel 2017 (in caso di vittoria alle elezioni del 2015) per decidere l’uscita o meno del Paese dall’Ue.

Le frasi a effetto di Osborne arrivano in una fase delicata della politica britannica, che vede Cameron perdere terreno nei sondaggi, in vista delle elezioni del 2015: i Tories otterrebbero solo il 34% dei consensi, contro il 39% dei laburisti e dunque avrebbero bisogno dei Lib- Dem. o della formazione ultra-nazionalista ed euroscettica dell’UKIP, in grande ascesa.

Cameron subisce la contestazione anche dall’interno: la dirigenza del suo stesso partito conservatore, in una lettera di metà gennaio, ha formalmente chiesto al Premier britannico la facoltà per la Camera dei Comuni di bloccare la nuova legislazione europea che minaccia gli “interessi nazionali” (sull’esempio tedesco).

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img