spot_img

Il “Patrimonio dell’umanità” secondo l’Unesco


Una volta al mondo c’erano soltanto “Sette meraviglie”. Oggi ce ne sono mille...

Non è una questione di “bellezza”: per diventare “Patrimonio dell’umanità”, un sito deve rappresentare un “valore universale eccezionale”, assolvendo uno o più dei dieci criteri culturali o naturali dell’Unesco. L’enfasi è posta solitamente sulla unicità e sul valore storico. Nella pratica, invece, la compilazione dell’elenco tende ad assomigliare a un concorso di “Miss”.

La proposta di un sito può arrivare dai paesi membri dell’Unesco, singolarmente o collettivamente se il sito si estende su più di un paese. Un comitato i cui membri ruotano si riunisce una volta all’anno per decidere quali siano i candidati meritevoli secondo i criteri stabiliti dall’International Council on Monuments and Sites, dalla World Conservation Union e dall’International Centre for the Study of the Preservation and Restoration of Cultural Property.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

immagini

Cambogia: democrazia ma senza opposizione

COP 28: Green New Deal for Future

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo