spot_img

Il sole ingannatoredi Mikhalkov


Uno schermo enorme. Una cinquantina di persone. Gente che conta parecchio a Mosca. Nikita Mikhalkov è appoggiato al tavolino di un piccolo buffet. Beve un po' d'acqua da una bottiglia di Evian. Si abbassano le luci.  «Per favore, spegnete i cellulari», dice ilpremio Oscar emozionato. È la prima proiezione privata del Sole ingannatore 2.

Uno schermo enorme. Una cinquantina di persone. Gente che conta parecchio a Mosca. Nikita Mikhalkov è appoggiato al tavolino di un piccolo buffet. Beve un po’ d’acqua da una bottiglia di Evian. Si abbassano le luci.  «Per favore, spegnete i cellulari», dice ilpremio Oscar emozionato. È la prima proiezione privata del Sole ingannatore 2.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania