Il tè. Una bevanda antica come il mondo.


Il tè, una delle bevande più antiche del mondo. La sua storia è carica di curiosità e mistero. In effetti molte sono le versioni che attribuiscono la nascita del tè, risalente a circa 5000 anni fa, a questo o quest'altro evento.

Il tè, una delle bevande più antiche del mondo. La sua storia è carica di curiosità e mistero. In effetti molte sono le versioni che attribuiscono la nascita del tè, risalente a circa 5000 anni fa, a questo o quest’altro evento.

A me personalmente piace la versione che narra, secondo una leggenda cinese, che l’imperatore Chen Nung era talmente ossessionato dal rispetto dell’igiene che non beveva altro che acqua precedentemente bollita, costringendo i suoi sudditi a fare altrettanto. Ma un giorno, mentre l’imperatore si godeva una pausa di riposo all’ombra di un albero, un vento leggero e delicato fece cadere nella sua tazza di acqua bollita alcune foglie di tè, che colorarono l’acqua di un colore oro ambrato. L’imperatore fu curioso di assaggiare quella strana bevanda che gli era stata suggerita dal fato, e ne rimase estasiato. Fu così che iniziò a far coltivare le prime piantagioni di tè in Cina.

Ma come arrivò in Europa questa bevanda antichissima? Si narra che i primi commercianti di tè in Europa furono gli Olandesi ed i Portoghesi. La prima grande consegna di tè arrivò in Olanda agli inizi del 1600 e da qui si diffuse poi in tutta Europa, soprattuto in Inghilterra. Si narra che grazie al matrimonio celebrato tra l’allora principessa portoghese Caterina di Braganza ed il Re Carlo II d’Inghilterra, si diffuse l’usanza di bere tè tra le classi più benestanti e poi successivamente a tutte le altre. Gli inglesi, allora come oggi, erano grandi estimatori e consumatori di tè, tanto che ad un certo punto decisero di iniziare una propria importazione di questa magnifica pianta dalla Cina.

Molte sono le tradizioni, nonché le cerimonie, legate a questa bevanda. Sempre restando in Inghilterra, il tè delle 5 è ormai una tradizione alla quale molti inglesi non sanno proprio rinunciare. Molti alberghi, pasticcerie e ristoranti ormai offrono la possibilità di prendere il tè accompagnandolo con delle piccole bontà sia dolci che salate. A dir la verità, se lo si fa nel posto giusto, il tè delle 5 diventa un vero e proprio pasto, dove difficilmente dopo vi rimarrà la voglia di cenare. Dicono che questa tradizione di accompagnare il tè con pasticceria sia dolce che salata, derivi dal fatto che nel 19° secolo i pasti delle classi più agiate venivano serviti solitamente molto tardi la sera. L’allora duchessa di Bedford decise quindi di spezzare questa lunga attesa facendosi servire una sorta di “antipasto”, in attesa della cena vera e propria. Un tè servito con pasticceria dolce e qualche tramezzino salato.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img