spot_img

Il teatrino del potere: Cina, Usa e il Dalai Lama


Scoppia di nuovo la grana del Dalai Lama, tra Cina e Usa. Oggi Obama incontrerà l'autorità spirituale tibetana, mentre da Pechino si alzano voci di critica. Come riportato dalle agenzie Usa, nel dare l'annuncio dell'incontro, che si terrà nel primo pomeriggio ora di Washington, la portavoce del Consiglio nazionale di Sicurezza, Caitlin Hayden, ha sottolineato che gli Stati Uniti considerano il Tibet come parte della Cina, aggiungendo però che sono «preoccupati per le continue tensioni e il deteriorarsi della situazione dei diritti umani nelle regioni tibetane della Cina».

Scoppia di nuovo la grana del Dalai Lama, tra Cina e Usa. Oggi Obama incontrerà l’autorità spirituale tibetana, mentre da Pechino si alzano voci di critica. Come riportato dalle agenzie Usa, nel dare l’annuncio dell’incontro, che si terrà nel primo pomeriggio ora di Washington, la portavoce del Consiglio nazionale di Sicurezza, Caitlin Hayden, ha sottolineato che gli Stati Uniti considerano il Tibet come parte della Cina, aggiungendo però che sono «preoccupati per le continue tensioni e il deteriorarsi della situazione dei diritti umani nelle regioni tibetane della Cina».

Da Pechino è arrivata la richiesta che Obama cancelli il previsto incontro, il primo tra i due premi Nobel della Pace dal luglio del 2011, che rischia di provocare «danni seri» alle relazioni tra i due Paesi e costituisce un’interferenza negli affari interni cinesi, ha detto la portavoce del ministero degli Esteri Hua Chunying.

L’incontro, specifica Pechino, «danneggerà seriamente le relazioni sino-americane. Esortiamo gli Stati Uniti a prendere sul serio le preoccupazioni della Cina, annullare immediatamente i piani per il leader degli Stati Uniti di incontrare il Dalai, non facilitare e fornire una piattaforma per le attività separatiste anti-Cina del Dalai negli Stati Uniti».

L’annuncio arriva in un momento delicato per le relazioni sino-americane. Gli Stati Uniti hanno espresso preoccupazione per il comportamento cinese nel Mar Cinese Orientale e Mar Cinese Meridionale, anche perché Pechino teme che la strategia pivot to Asia di Obama possa procurare danni ai suoi interessi nella regione.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img