Incontro con Maria Bashir


Incontro con Maria Bashir, procuratore generale di Herat. Nel 2014 la Nato lascerà l’Afghanistan; i vertici politici afghani plaudono, sicuri di potercela fare da soli a governare il paese nel futuro. Ma una parte della società civile, soprattutto le donne, trema al pensiero che i pochi progressi realizzati in tema di diritti possano svanire, risucchiati da un ritorno dell’integralismo e dell’oscurantismo.

Incontro con Maria Bashir, procuratore generale di Herat. Nel 2014 la Nato lascerà l’Afghanistan; i vertici politici afghani plaudono, sicuri di potercela fare da soli a governare il paese nel futuro. Ma una parte della società civile, soprattutto le donne, trema al pensiero che i pochi progressi realizzati in tema di diritti possano svanire, risucchiati da un ritorno dell’integralismo e dell’oscurantismo.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img