India-Cina, i due litiganti


India-Cina: dopo il compromesso dei Ministri degli Esteri per evitare ulteriori scontri lungo il confine, si riaccendono le tensioni. Per la difesa indiana la situazione è grave

India-Cina: dopo il compromesso dei Ministri degli Esteri per evitare ulteriori scontri lungo il confine, si riaccendono le tensioni. Per la difesa indiana la situazione è grave

India-Cina. Soldati indiani dopo essere sbarcati da un aereo militare in una base aerea avanzata a Leh, nella regione del Ladakh, 15 settembre 2020. REUTERS/Danish Siddiqui
Soldati indiani dopo essere sbarcati da un aereo militare in una base aerea avanzata a Leh, nella regione del Ladakh, 15 settembre 2020. REUTERS/Danish Siddiqui

La disputa al confine tra India e Cina non accenna a risolversi e diventa sempre più una questione geopolitica. Gli interessi cinesi nell’avanzare con i progetti Belt and Road Initiative e la sindrome d’accerchiamento dell’India — con il Pakistan costantemente all’erta sulla questione Kashmir — rendono complicata la gestione diplomatica della questione.

La mediazione della Russia nella disputa India-Cina

I Ministri degli Esteri Subrahmanyam Jaishankar per Nuova Delhi e Wang Yi per Pechino, grazie alla mediazione della Russia con Sergej Lavrov, solo pochi giorni fa a Mosca hanno raggiunto un compromesso per evitare ulteriori scontri lungo la Line of Actual Control (Lac). Jaishankar e Wang hanno concordato sul fatto che le differenze tra i due Paesi non debbano trasformarsi in disputa e che le tensioni nell’area di confine non sono nell’interesse né dell’India né della Cina.

Wang Yi ha chiesto che entrambe le parti fermino immediatamente le provocazioni e altre attività pericolose che, viene notato dal diplomatico cinese, vanno contro gli accordi. Dal canto suo, Subrahmanyam Jaishankar si è detto pronto a muoversi nella stessa direzione di Pechino per proteggere la pace e la prosperità nella regione.

Il ruolo dei militari

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale

Trattato del Quirinale: Macron punta sull’Italia