spot_img

India, Giappone e il terzo incomodo cinese


Il meeting di cinque giorni tenutosi in Giappone tra il primo ministro Narendra Modi e il suo omologo giapponese Shinzo Abe era, tecnicamente, un incontro bilaterale. Ma la presenza incombente della Cina, seppur non fisicamente, ha aleggiato costantemente sui destini incrociati di oltre tre miliardi di persone. E continuerà a farlo.

Il meeting di cinque giorni tenutosi in Giappone tra il primo ministro Narendra Modi e il suo omologo giapponese Shinzo Abe era, tecnicamente, un incontro bilaterale. Ma la presenza incombente della Cina, seppur non fisicamente, ha aleggiato costantemente sui destini incrociati di oltre tre miliardi di persone. E continuerà a farlo.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione