spot_img

India, il piano degli Usa per isolare sempre più la Russia


La crisi ucraina può rappresentare un'opportunità per gli Stati Uniti di allontanare Nuova Delhi dalla Russia e attirarla a sé tramite un ricco pacchetto di aiuti militari, andando così ad accelerare un processo già in corso

Marco Dell'Aguzzo Marco Dell'Aguzzo
Giornalista, scrive per eastwest, Il Sole 24 Ore, il manifesto, Vanity Fair, Aspenia e Start Magazine. Si occupa di energia e di affari nordamericani.

La crisi ucraina può rappresentare un’opportunità per gli Stati Uniti di allontanare Nuova Delhi dalla Russia e attirarla a sé tramite un ricco pacchetto di aiuti militari, andando così ad accelerare un processo già in corso

Da quando il Cremlino ha dato inizio all’invasione dell’Ucraina, lo scorso febbraio, l’India si è approcciata alla Russia in una maniera molto diversa da quella dell’Occidente politico, se non opposta: non ha condannato l’aggressione, si è astenuta dal votare le risoluzioni delle Nazioni Unite, non ha imposto sanzioni a Mosca e anzi le ha pure offerto uno sbocco per il suo greggio, oltre a lavorare a un meccanismo rupie-rubli per salvaguardare il commercio. È una condotta, quella indiana, che non fa affatto piacere agli Stati Uniti di Joe Biden, per due motivi su tutti: perché ha spaccato il “fronte delle democrazie” promosso dal presidente contro i regimi autocratici; e perché Washington considera Nuova Delhi un’alleata cruciale nella competizione geopolitica con la Cina.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Nato guarda a est ma abbandona il Mediterraneo

Prove di disgelo tra Corea del Sud e Giappone

I media e la loro influenza sulla nostra percezione del mondo