spot_img

Intervista a Wiar Simav Bedirxan, videomaker curda-siriana, fuggita da Homs


Quasi ogni giorno a Suruc, a dieci chilometri dal confine, c'è una cerimonia funebre in onore di chi è caduto per la libertà di tutti, per Kobane, per quella che viene chiamata "Rivoluzione Rojava". Dopo l'ultimo applauso ai caduti la folla si disperde. Alcune persone piangono in silenzio.

Quasi ogni giorno a Suruc, a dieci chilometri dal confine, c’è una cerimonia funebre in onore di chi è caduto per la libertà di tutti, per Kobane, per quella che viene chiamata “Rivoluzione Rojava”. Dopo l’ultimo applauso ai caduti la folla si disperde. Alcune persone piangono in silenzio.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania