Io, manager italiano nella cerniera turca


La Turchia entra nel nuovo Millennio proponendosi come un’economia aperta alla competizione internazionale. Ma, al diffuso dinamismo di chi guida le imprese, si contrappone la lentezza dei processi decisionali. Non soltanto nella pubblica amministrazione. Potenzialità e problemi di un Paese strategico per l’Europa raccontati dall’uomo che per tre anni ha guidato gli stabilimenti Fiat sulle sponde del Bosforo.

La Turchia entra nel nuovo Millennio proponendosi come un’economia aperta alla competizione internazionale. Ma, al diffuso dinamismo di chi guida le imprese, si contrappone la lentezza dei processi decisionali. Non soltanto nella pubblica amministrazione. Potenzialità e problemi di un Paese strategico per l’Europa raccontati dall’uomo che per tre anni ha guidato gli stabilimenti Fiat sulle sponde del Bosforo.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img