spot_img

Iran e Arabia Saudita pronti alla riapertura delle rispettive ambasciate


Ad affermarlo il membro del Comitato per la Sicurezza Nazionale e la Politica Estera di Teheran. Intanto sbarcano a Riad tre diplomatici iraniani: sarà avviato un ufficio di rappresentanza dell’Organizzazione della Cooperazione Islamica

È sempre altissima la cautela quando si parla di un nuovo avvio delle relazioni diplomatiche tra Iran e Arabia Saudita, ma stavolta le dichiarazioni ad alto livello istituzionale sembrano confermare quelle che non possono più essere considerate solo come voci di corridoio. Infatti, nei giorni scorsi sono sbarcati a Riad, per la prima volta dal 2016, anno dell’interruzione dei rapporti tra i due Paesi, tre diplomatici della Repubblica Islamica. Obiettivo: l’istituzione di un ufficio di rappresentanza nell’ambito dell’Organizzazione della Cooperazione Islamica, che ha sede proprio nel regno dei Saud.

Lo stesso portavoce del Ministero degli Esteri, Saeed Khatibzadeh, ha avvalorato l’indiscrezione, aggiungendo: “La Repubblica Islamica d’Iran è anche pronta alla riapertura della propria ambasciata in Arabia Saudita”. Da tempo gli iraniani parlano apertamente di una volontà in tal senso, con lo stesso Presidente Ebrahim Raisi che si è esposto, ricordando però che tocca ai sauditi intraprendere le misure pratiche affinché questo si verifichi.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

Cambogia: democrazia ma senza opposizione

COP 28: Green New Deal for Future

Grecia: i diritti civili vincono contro la scomunica

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo