spot_img

L’Iran interviene in Iraq con il disco verde degli Stati Uniti. E a Teheran si lavora a un nuovo sistema di controllo sui social network


I raid iraniani contro i jiha­di­sti dello Stato isla­mico (Isis) in Iraq sono confermati. La noti­zia, ini­zial­mente smen­tita dalle auto­rità di Teh­eran, è stata rilanciata dal vice-­mi­ni­stro degli Esteri, Ibra­him Rahim­pour. L’operazione sarebbe stata con­dotta su richie­sta del governo di Bagh­dad e non è stata coor­di­nata con gli Stati Uniti.

I raid iraniani contro i jiha­di­sti dello Stato isla­mico (Isis) in Iraq sono confermati. La noti­zia, ini­zial­mente smen­tita dalle auto­rità di Teh­eran, è stata rilanciata dal vice-­mi­ni­stro degli Esteri, Ibra­him Rahim­pour. L’operazione sarebbe stata con­dotta su richie­sta del governo di Bagh­dad e non è stata coor­di­nata con gli Stati Uniti.

Members of Iraqi security forces and Shiite fighters eat on their vehicle on the outskirts of Baiji, north of Baghdad December 8, 2014. REUTERS/Ahmed Saad

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione