spot_img

Irlandesi in fuga


Un anno fa l’Irlanda era un paese d’immigrazione, ricco e prospero. Ora sono gli irlandesi che emigrano, come un secolo fa, scelgono l’Australia, continente ricco e ancora pieno di sogni. Per sopravvivere sono disposti a tutto, anche a fare le lollipop reggendo cartelloni per strada. Mary lavora a George Street con in mano un cartello con scritto “Rallentare”.

Un anno fa l’Irlanda era un paese d’immigrazione, ricco e prospero. Ora sono gli irlandesi che emigrano, come un secolo fa, scelgono l’Australia, continente ricco e ancora pieno di sogni. Per sopravvivere sono disposti a tutto, anche a fare le lollipop reggendo cartelloni per strada. Mary lavora a George Street con in mano un cartello con scritto “Rallentare”.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione