ISIS: al-Baghdadi ferito e al-Turkmani morto?


C'è una gran confusione sotto il sole iracheno. Report contradditori, paternità multiple dello stesso attacco, fonti locali che riferiscono di morti e feriti di alto rango tra le file dell'Isis (non considerate del tutto affidabili dai vertici militari americani), account falsi.

C’è una gran confusione sotto il sole iracheno. Report contradditori, paternità multiple dello stesso attacco, fonti locali che riferiscono di morti e feriti di alto rango tra le file dell’Isis (non considerate del tutto affidabili dai vertici militari americani), account falsi.

 

Reuters

“Abbiamo la conferma che Abu Bakr al-Baghdadi è stato ferito in un raid aereo delle forze alleate nella città di Mosul. Confermiamo la morte di uno dei suoi secondi, Abu Muslim al-Turkmani”, ha detto il Ministro della Difesa irachena Khalid al-Obeidi.

Uno dei due bombardamenti americani di sabato scorso e finalizzati a decapitare i vertici dell’Is è avvenuto nella zona di al-Qaim, mentre il secondo raid è scattato a Mosul (tra le due città ci sono circa 250km). Morte del califfo o meno, i raid sembrano aver colto comunque nel segno (una cinquantina tra comandanti e miliziani uccisi) anche se il Pentagono è molto più cauto nelle sue affermazioni rispetto agli omologhi iracheni.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img