eastwest challenge banner leaderboard

Europa, ancora senza nucleare

Un rapporto ECFR spiega perché l'Europa non riesca a dotarsi di autonomia nucleare

La centrale nucleare di Leibstadt, Svizzera, 8 marzo 2019. REUTERS/Arnd Wiegmann
La centrale nucleare di Leibstadt, Svizzera, 8 marzo 2019. REUTERS/Arnd Wiegmann

L'Europa non ha solo esternalizzato la propria sicurezza, ma anche la propria visione strategica di essa.

Nonostante il crescente clima di insicurezza, gli europei non sembrano disposti a rinnovare la propria concezione di deterrenza nucleare.

Il termine "autonomia strategica" continuerà a essere privo di contenuto finché l’Europa non si impegnerà seriamente sulla questione nucleare. Le modalità ci sarebbero, tuttavia, finché l’Ue non terrà conto della dimensione nucleare della propria autonomia, continuerà a credere nella superiorità militare della Russia, soprattutto in mancanza di sostegno nucleare statunitense. L'assenza di un deterrente europeo potrebbe rivelarsi un errore fatale.

Secondo un rapporto ECFR a cura di Manuel Lafont Rapnouil, Tara Varma e Nick Witney, nessuna iniziativa europea volta ad affermare l'autonomia nucleare strategica è attualmente praticabile, desiderabile o tantomeno concepibile. Tuttavia, un piano per rispondere alle grandi incertezze future sarebbe già disponibile: Regno Unito e Francia potrebbero trasformare l'idea di deterrenza europea da semplice nozione a offerta credibile, rafforzando la propria cooperazione bilaterale in campo nucleare e affermando con maggior convinzione la propria disponibilità a fornire copertura agli altri.

ALCUNI DATI:

Principali dossier di allerta per gli stati membri Ue sul nucleare: Corea del Nord e nucleare, Russia e nucleare, nucleare e terrorismo radiologico, uso accidentale di armi nucleari.

Principale preoccupazione per l’Italia sul nucleare: armamenti nucleari della Corea del Nord.

Stati membri Ue totalmente impegnati sul dossier nucleare: Francia, Regno Unito, Polonia, Romania.

Stati membri Ue neutrali sul dossier nucleare: Irlanda, Austria, Malta, Cipro, Finlandia.

Stati membri “pragmatici” sul dossier nucleare: Estonia, Lituania, Lettonia, Bulgaria, Repubblica Ceca, Belgio, Italia.

Stati membri “in conflitto interno” sul dossier nucleare a causa del forte attivismo della società civile: Svezia, Olanda, Germania.

Stati membri conformisti sul dossier nucleare: Croazia, Slovacchia, Slovenia, Ungheria, Grecia, Danimarca, Lussemburgo, Spagna, Portogallo.

@ECFRRoma

Questo articolo è pubblicato anche sul numero di marzo/aprile di eastwest.

Puoi acquistare la rivista in edicola o abbonarti.

Scrivi il tuo commento
@

La voce
dei Lettori

Eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città. Invia la tua domanda a eastwest

GUALA