spot_img

Italia post Covid: l’obiettivo è la trasformazione


Italia: la crisi Covid, e la sua accelerazione, spinge con forza verso il futuro e può rivelarsi l’inizio della fine della Grande Stagnazione dell’ultimo decennio

Italia: la crisi Covid, e la sua accelerazione, spinge con forza verso il futuro e può rivelarsi l’inizio della fine della Grande Stagnazione dell’ultimo decennio

Il Primo Ministro italiano Giuseppe Conte parla con il Ministro della Salute Roberto Speranza al Parlamento, a Roma, 28 luglio 2020. REUTERS/Remo Casilli

L’entusiasmo dell’opinione pubblica nazionale per il Next Generation EU sembra essersi piuttosto attenuato rispetto al luglio scorso, quando è stato varato dal Consiglio europeo. In questo momento, le preoccupazioni dei cittadini sono per lo più altre e comunque un dibattito serio su come impiegare i 209 miliardi che dovrebbero arrivare all’Italia di fatto non è nemmeno iniziato. Men che meno quello sulle riforme necessarie a un Paese che non cresce da almeno due decenni. Non tutti, però, sono distratti. Dietro all’apparente disinteresse degli italiani, il governo e i partiti sanno che prima o poi “i denari europei” arriveranno e saranno utili (anche) per le loro fortune. Lo stesso sanno le innumerevoli lobby che da mesi si stanno posizionando nel modo migliore per beneficiarne.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Ue, essere o non essere una Unione?

Gli Stati Uniti tornano a parlare di UFO

L’Europa federale