spot_img

Kabul: il cortocircuito droga-terrorismo


In Afghanistan a gestire il traffico della droga e i relativi proventi è la criminalità organizzata. Ma non potrebbe farlo senza l’appoggio di taliban e gruppi terroristici ad essi alleati.

In Afghanistan a gestire il traffico della droga e i relativi proventi è la criminalità organizzata. Ma non potrebbe farlo senza l’appoggio di taliban e gruppi terroristici ad essi alleati.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Nato senza ragione

Gli Stati Uniti tornano a parlare di UFO

L’Europa federale