Kalashnikov


La micidiale arma del sig. Kalashnikov ancora non teme rivali.

La micidiale arma del sig. Kalashnikov ancora non teme rivali.

La trasformazione del fucile di assalto AK-47, pensato dai sovietici per uccidere i nazisti e diventato un’icona pop celebrata dai rapper americani e da un designer francese, è uno dei risvolti più sorprendenti della Guerra fredda.

Letalmente efficiente, deve la sua fama di “cattivo ragazzo” all’essere stato simbolo rivoluzionario tra gli anni Sessanta e Settanta, nelle mani dei combattenti del Terzo mondo che ingaggiavano guerre antimperialiste per la liberazione dal giogo coloniale.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

In Europa è ancora Natale

Marocco e Israele, ecco l’accordo sulla difesa

Nucleare: a Vienna riaprono i colloqui con l’Iran