EN

eastwest challenge banner leaderboard

LA NOTIZIA DEL GIORNO

Il processo farsa a Riad

Indietro    Avanti

Dopo due anni dal brutale omicidio Kashoggi, la giustizia saudita conferma di essere una barzelletta

Alcune persone mostrano le foto del giornalista saudita Jamal Khashoggi durante un raduno per celebrare il secondo anniversario dell’omicidio di Khashoggi al Consolato saudita, a Istanbul, Turchia, 2ottobre 2020. REUTERS/Murad Sezer

Sono passati due anni da quando il giornalista Jamal Khashoggi è stato assassinato all’interno del consolato saudita nella città turca di Istanbul.

Il 59enne editorialista del Washington Post è stato ucciso il 2 ottobre 2018 e il suo corpo, fatto a pezzi da ufficiali sauditi, non è mai stato ritrovato. Di certo, da quel consolato, in cui era entrato per ottenere dei documenti per sposarsi, il giornalista saudita, non è più uscito vivo. Jamal Khashoggi sapeva di essere nel mirino dell’intelligence del suo Paese, per le critiche costanti che rivolgeva alla politica di Mohammed bin Salman (il sovrano de facto del regno), ma non poteva immaginare che sarebbe stato raggiunto fuori dal suo Paese, in un luogo istituzionale.

A settembre è terminato in Arabia Saudita il processo farsa contro otto persone, condannate a pene da un minimo di 7 a un massimo di 20 anni. Le autorità del Paese non hanno rivelato l’identità degli imputati. La relatrice speciale dell’Onu Agnès Callamard ha definito il processo “né equo, né giusto, né trasparente” e senza “alcuna legittimità giuridica o morale”.

Il team delle Nazioni Unite che si occupa delle indagini sugli omicidi extragiudiziali, in un rapporto investigativo pubblicato nel giugno 2019, ha segnalato di avere trovato “prove credibili” che MBS e altri alti funzionari sauditi fossero responsabili dell’omicidio. Lo stesso ha fatto la CIA.

In Turchia, a luglio, è iniziato un altro procedimento, che vede invece incriminati venti cittadini sauditi, tra cui due fedelissimi di MBS.

Sotto accusa, l’ex vice capo dell’intelligence dell’Arabia Saudita Ahmed al-Asiri, che avrebbe istituito una squadra di sicari e pianificato l’omicidio del giornalista, e l’ex consigliere della Corte Reale Saud bin Abdullah al-Qahtani, che avrebbe guidato il gruppo di killer.

Tutti i presunti responsabili però sono imputati in contumacia: Riad nega le estradizioni.

Il rinnovamento politico e sociale avviato da MBS è drammaticamente compromesso dall’efferatezza di un gesto inammissibile in un mondo civile. È la comunità internazionale ha il dovere di vigilare…

@GiuScognamiglio

Continua a leggere questo articolo e tutti gli altri contenuti di eastwest e eastwest.eu.

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica a € 45.
Se desideri solo l’accesso al sito e l’abbonamento alla rivista digitale, il costo per un anno è € 20

Abbonati



La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA