Kiss of Love: vietato baciarsi in pubblico


Lo scorso due novembre si è tenuta a Kochi, Kerala, la prima manifestazione di protesta Kiss of Love. Un gruppo di "free thinkers" si è radunato lungo Marine Drive, il lungomare della città, e ha fatto qualcosa che in tutto il paese è illegale e, in diverse parti, rischi pure di beccare i ceffoni: si è baciato in pubblico. Come sono andate le cose dopo, non è una buona notizia.

Lo scorso due novembre si è tenuta a Kochi, Kerala, la prima manifestazione di protesta Kiss of Love. Un gruppo di “free thinkers” si è radunato lungo Marine Drive, il lungomare della città, e ha fatto qualcosa che in tutto il paese è illegale e, in diverse parti, rischi pure di beccare i ceffoni: si è baciato in pubblico. Come sono andate le cose dopo, non è una buona notizia.

 

La manifestazione era stata indetta a seguito degli atti di vandalismo subìti da un ristorante a Kozhikode, sempre in Kerala, sfasciato da un gruppo di volontari del Bharatiya Janata Yuva Morcha, i “giovani” del Bharatiya Janata Party (Bjp, partito di governo guidato da Narendra Modi, primo ministro). Gli attivisti avevano distrutto il locale poiché era luogo noto nella zona per “attività immorali”, tipo portarci la fidanzata e limonare un po’.

Dimostrazioni d’affetto bollate come “oscene” secondo i canoni sociali in vigore in India, dove la sfera anche vagamente sessuale deve essere relegata all’interno delle quattro mura. Sono cose private e la gente si scandalizza.

Le operazioni di repulisti morale delle strade, portate avanti da volenterosi paladini del concetto snaturato e ultranazionalista di “indianità” in concerto con gli organi di polizia, vengono chiamate genericamente “Moral Policing”, polizia morale, e stigmatizzano una gamma di attività che vanno dai baci al tenersi per mano tra “fidanzati” (concetto già di per sé scivoloso, in una società che, a regola, concepisce a fatica relazioni tra uomo e donna che esulino dal benestare familiare sancito dal matrimonio), passando per fumare in pubblico e bere alcol (se si è ragazza) o vestirsi in maniera indecorosa (minigonne, spalle scoperte, décolleté).

L’attività moralizzatrice prevede l’uso della forza, messo in atto da “squadracce” di bigotti affiliate alle sigle dell’ultranazionalismo hindu – Rss, Shiv Sena, Bjp – che facendo ronde nei parchi, fuori dai locali notturni, fuori dai ristoranti, malmena in pubblico i contravventori. Dal lato legale, invece, pende sempre il rischio di una denuncia per il corrispettivo indiano di “atti osceni in luogo pubblico”, per chi si bacia. Ci si rifà alla section 294 del codice penale indiano, che per chi è colpevole di “atti osceni in luogo pubblico che disturbino gli altri” prevede pene detentive fino a tre mesi.

La manifestazione Kiss of Love era stata lanciata con un tam tam su Facebook e in pochi giorni la pagina dell’evento aveva registrato decine di migliaia di adesioni virtuali (dopo il 2 novembre, la pagina era stata bloccata dalle autorità, colpevole di postare foto di gente che, non potendo aderire fisicamente alla manifestazione di Kochi, aveva spedito i propri baci via webcam. Tornata online il giorno seguente, i like sono raddoppiati nel giro di poche ore. Al momento siamo a 90mila).

Nel frattempo, le autorità del Kerala avevano sconsigliato agli organizzatori di protestare, poiché passibili di atti osceni in luogo pubblico, appunto, con l’aggravante dell’assemblea illegale.

Non curanti del monito della polizia, i manifestanti hanno provato a presentarsi puntualmente (in un centinaio, in larghissima parte uomini) a Marine Drive il pomeriggio del 2 novembre. Ad aspettarli, un discreto dispiegamento delle forze dell’ordine, centinaia di curiosi e le squadracce ultranazionaliste di cui sopra.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img