L’Accademia di Danimarca diventa Ecosostenibile


Oggi l’Accademia di Danimarca a Roma (costruita nel 1967 dall’architetto danese Kay Fischer) è un esempio tipico di modernismo scandinavo: presto i lavori di rinnovamento ne faranno un esempio di architettura ecologica, senza intaccarne l’aspetto.

Oggi l’Accademia di Danimarca a Roma (costruita nel 1967 dall’architetto danese Kay Fischer) è un esempio tipico di modernismo scandinavo: presto i lavori di rinnovamento ne faranno un esempio di architettura ecologica, senza intaccarne l’aspetto.

 

credits ALDO CIUMMO

 
La parte principale dei lavori comincerà il prossimo agosto e durerà circa sette mesi, ma la progettazione di ogni singolo intervento nella struttura è già iniziata. Il primo marzo 2015, quando le attività dell’Accademia ripartiranno, l’edificio potrà contare su una serie di vantaggi concreti, dal risparmio energetico all’ottimizzazione della temperatura.

I pannelli fotovoltaici che verranno sistemati sul tetto assicureranno, in base ai calcoli già effettuati, sia maggiori servizi (come il condizionamento dell’aria) sia un notevole risparmio di emissioni nocive per l’ambiente. La responsabile dei lavori, Bente Lange, è architetto.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Autodistruzione imperiale

Trattato del Quirinale: Macron punta sull’Italia

Unione europea: miti e leggende