spot_img

L’arresto della giornalista cinese (di un giornale tedesco)


L'assistente di una giornalista tedesca in Cina, di recente è stata arrestata. Il fatto permette di effettuare alcune riflessioni. Innanzitutto, i giornalisti stranieri in Cina sono privilegiati rispetto a quelli cinesi.

Al massimo, come capitato a Melissa Chen di Al Jazeera, possono essere espulsi dal paese (almeno negli ultimi tempi che io ricordi non ci sono casi di giornalisti stranieri posti in arresto. Al massimo qualche fermo di qualche ora in zone come quelle tibetane o in seguito ad eventi come quelli della cosiddetta «rivoluzione dei gelsomini»).

L’assistente di una giornalista tedesca in Cina, di recente è stata arrestata. Il fatto permette di effettuare alcune riflessioni. Innanzitutto, i giornalisti stranieri in Cina sono privilegiati rispetto a quelli cinesi.

Al massimo, come capitato a Melissa Chen di Al Jazeera, possono essere espulsi dal paese (almeno negli ultimi tempi che io ricordi non ci sono casi di giornalisti stranieri posti in arresto. Al massimo qualche fermo di qualche ora in zone come quelle tibetane o in seguito ad eventi come quelli della cosiddetta «rivoluzione dei gelsomini»).

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione