L’ eccezione polacca


Le quattro città polacche che ospiteranno i Campionati europei di calcio, Wroclaw, Poznan, Danzica e Varsavia, sono lo specchio dei progressi compiuti dal Paese negli ultimi anni. La Polonia vuole lasciarsi alle spalle definitivamente i grigiori del passato e guarda al futuro con fiducia, conservando comunque memoria delle lotte sociali e politiche che hanno portato alla sospirata transizione dal comunismo all'integrazione europea.

Le quattro città polacche che ospiteranno i Campionati europei di calcio, Wroclaw, Poznan, Danzica e Varsavia, sono lo specchio dei progressi compiuti dal Paese negli ultimi anni. La Polonia vuole lasciarsi alle spalle definitivamente i grigiori del passato e guarda al futuro con fiducia, conservando comunque memoria delle lotte sociali e politiche che hanno portato alla sospirata transizione dal comunismo all’integrazione europea.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale